La Scoperta

inverno

inverno

……Mantua me genuit…… mi modellò fino all’età adulta, e dopo maturazione in Emilia la mia caduta dall’albero approdò nell’entroterra del Lago di Garda. E qui, con la certezza di aver ritrovato le forti sensazioni che nascono dall’intimo colloquio con la natura, continuo a restare……
Due espressioni opposte come la pianura Padana e il lago di Garda hanno la stessa madre, parlano la stessa lingua, e il tempo forse non è passato. Per questo continuo a restare.
E’ nuovo per me il bosco, ma il suo mistero l’ho incontrato nelle nebbie, è nuova l’impronta dei caprioli e dei camosci ma il segno della vita sulla neve me lo ha impresso il passero e il merlo e il mio gatto in cerca di topi, è nuova la roccia che affiora, ma conosco la forza e il calore della quercia vicino a casa, è nuovo il cipresso ma conosco la via del cielo che mi indicava il pioppo cipressino.
Dunque è il luogo giusto dove i miei semi germoglieranno per lasciare a mio figlio i doni che insieme alla terra saprò finalmente creare. Perchè da sola non son capace di nulla. Questo ho imparato.

Questa voce è stata pubblicata in Storie d'amore e di terra e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

One Response to La Scoperta

  1. Mr WordPress scrive:

    Ciao, questo è un commento.
    Per cancellare un commento effettua la login e visualizza i commenti agli articoli. Lì troverai le opzioni per modificarli o cancellarli.

Lascia un commento